Raymarine batte tutti gli altri centri di test

Raymarine batte tutti gli altri centri di test

Friday, December 20, 2019


Il tour del Centro prove ambientali Raymarine si conclude con i test di caduta, di alimentazione e con una serie di procedure studiate per valutare la resistenza di un prodotto ai campi elettromagnetici irradiati

Quando al personale del Centro prove ambientali Raymarine viene detto "molla tutto", lo fanno sul serio! I prodotti che hanno già subito un trattamento brutale nella camera climatica, umidostatica, a nebbia salina, termica e per le prove di vibrazione vengono poi sottoposti alla procedura di test di caduta, una prova meno sofisticata ma certo non meno importante.

Ogni prodotto Raymarine imballato viene lasciato cadere su ciascun lato della confezione: questa prova garantisce che i prodotti spediti vengano consegnati in perfette condizioni. Inoltre, i prodotti vengono lasciati cadere senza alcuna protezione, per simulare colpi e maltrattamenti durante l'installazione.

Dopo questa fase, i prodotti vengono trasferiti nell'area EMC (compatibilità elettromagnetica), in cui le prove EMC IEC 60945 vengono abbinate a procedure interne, compreso il test di alimentazione. Questa prova verifica che i prodotti funzionino correttamente se alimentati entro la gamma di tensioni nominali.

Raymarine - Test Centre

Queste prove si concentrano su problemi quali cadute di tensione, corrente di spunto e sovratensioni. L'interferenza derivante dall'accensione di altre apparecchiature a bordo può disturbare l'alimentazione elettrica condivisa. Queste prove garantiscono che i prodotti non ne risentano e continuino a funzionare correttamente.

Se fino a questo momento i visitatori del centro prove hanno pensato di trovarsi nei laboratori high-tech di Q dei film di James Bond, non avranno più dubbi entrando nella suggestiva camera di immunità alle radiazioni, le cui pareti sono rivestite di materiale a forma di piramidi. Qui i test garantiscono che i prodotti possano funzionare in modo efficiente anche se esposti ad un potente campo elettromagnetico irradiato.

Raymarine - Test Centre

Il materiale assorbente sulle pareti impedisce le riflessioni, in modo che venga ricevuto solo il segnale diretto dall'antenna, rendendo più facile produrre un campo di prova uniforme. In questo processo, l'antenna di trasmissione viene posizionata all'estremità della camera, mentre il prodotto in prova viene collocato su un tavolo nel campo precalibrato. Il prodotto viene monitorato per garantirne il corretto funzionamento in condizioni di irraggiamento, senza che si verifichino malfunzionamenti, come per esempio linee di interferenza su una riproduzione video.

In una camera separata, la prova di emissioni irradiate misura le emissioni indesiderate di energia elettromagnetica. La camera è una gabbia di Faraday: per evitare interferenze da segnali esterni, il rivestimento della camera è composto da due strati di acciaio. All'interno, una combinazione di piastre in ferrite e materiale assorbente blu blocca i riflessi.

A questo punto, sorge spontaneo l'applauso dei visitatori per l'incredibile e sconvolgente meticolosità delle procedure di test di Raymarine. Ma c'è dell'altro. Ci sono anche i simulatori AIS per testare i ricetrasmettitori AIS, i simulatori di stazioni base DSC per le radio, i simulatori GNSS, i simulatori Wi-Fi... È un investimento enorme ma prezioso, e ogni centesimo è ben speso.

COMMENT